Sani e Felici - giuseppecostantino.com

Vai ai contenuti

Scoperta Rivoluzionaria: dove inizia l'Alzheimer

giuseppecostantino.com
Pubblicato da in Sani e Felici Blog ·
Tags: Alzheimer


L'Alzheimer in Italia
In Italia, secondo la Federazione Alzheimer Italia, ci sono almeno 1.241.000 persone malate di Alzheimer: di questi il 73,9% è donna e quasi la metà (49,1%) ha tra i 75 e gli 84 anni. Inoltre, il 46,4 vive in casa con i familiari, il 28,7% con familiari che volontariamente se ne prendono cura assistendoli, solitamente si tratta del figlio della persona malata,  mentre solo il 12,1% alloggia in residenze assistenziali. Ora, un nuovo entusiasmante studio ( clicca qui per vederlo) condotto dai ricercatori dell'università di Bonn, in Germania, afferma di aver scoperto la causa di questa malattia incurabile.
Gli scienziati hanno capito da tempo che l'Alzheimer è associato a un accumulo di placche amiloidi nel cervello.
Le placche amiloidi sono un accumulo appiccicoso che si accumula all'esterno dei neuroni o delle cellule nervose. Mentre l'amiloide è una proteina che si trova naturalmente in tutto il corpo, nei pazienti di Alzheimer questa proteina si divide in modo improprio, creando una forma di amiloide che è tossica per i neuroni nel cervello.
La maggior parte degli studi sull'uomo per i trattamenti dell'Alzheimer si sono concentrati sul tentativo di colpire queste placche. Tutti hanno fallito.
La nuova ricerca è entusiasmante in quanto ha rivelato la causa principale di questo accumulo di placca amiloide: l'infiammazione nelle cellule immunitarie chiamata microglia, che costituiscono tra il 10 e il 15 percento di tutte le cellule cerebrali e che agisce come la prima linea del cervello difesa immunitaria.
L'infiammazione alimenta direttamente il caratteristico accumulo di placca amiloide che le autopsie hanno rivelato nel cervello dei malati di Alzheimer.

Per anni è stata sospettata l'infiammazione di un ruolo, ma l'esatta natura del suo coinvolgimento è stata difficile da definire, fino ad ora.
I ricercatori hanno scoperto i frammenti di rilascio della microglia di una proteina chiamata ASC in risposta ad essa. Si attaccano alla proteina beta amiloide - aumentando la sua produzione. ...
ASC risiede in un percorso infiammatorio vitale chiamato inflammasoma NLRP3 che danneggia le cellule cerebrali.
I ricercatori hanno scoperto che questo processo avviene sin dalle prime fasi della malattia e che quando un anticorpo è stato usato in test di laboratorio per impedire che l'ASC si leghi alla proteina amiloide, è stato prevenuto l'accumulo di placca amiloide dannosa e appiccicosa.
Il gruppo di ricerca è entusiasta della possibilità di sviluppare un trattamento chimico farmacologico per intervenire sull'Alzheimer ma non prima dei prossimi 5-10 anni.
Certamente, qualsiasi cura chimica di questo tipo potrebbe portare una manciata di effetti collaterali, e sarà molto costosa.
D'altra parte, sapere che l'infiammazione è la causa principale dell'Alzheimer è molto importante perché questa può essere evitata e persino invertita.
I medici stanno imparando solo ora che uno dei modi migliori per sedare l'infiammazione non risiede nell'armadietto dei medicinali, ma nel frigorifero.
L'articolo ha osservato che mentre l'infiammazione ha lo scopo di proteggere il tuo corpo dagli invasori minacciosi, l'infiammazione a volte può persistere per lunghi periodi di tempo, anche quando non esiste una tale minaccia. Ha aggiunto:
Questo è quando l'infiammazione può diventare il tuo nemico. Molte delle principali malattie che ci affliggono, tra cui il cancro, le malattie cardiache, il diabete, l'artrite, la depressione e l'Alzheimer, sono state collegate all'infiammazione cronica.
Uno degli strumenti più potenti per combattere l'infiammazione non viene dalla farmacia, ma dal negozio di alimentari.
I cibi che mangiamo causeranno o prevengono l'infiammazione; E 'così semplice.
Gli alimenti che causano l'infiammazione includono carboidrati raffinati, patatine fritte e altri cibi spazzatura, carni lavorate, margarina e carne convenzionalmente allevata che è stata sottoposta a trattamenti antibiotici e ormonali di routine.

Combattere attivamente l'infiammazione è possibile ed è semplice, quando sai cosa fare esattamente!

Non perdere altro tempo prezioso,
Scopri come allontanare l'infiammazione dalla tua vita:




Voto: 0.0/5
Infotel: 3207290487
info@giuseppecostantino.com
SKYPE: costantino1611

Infotel: 3207290487
info@giuseppecostantino.com
SKYPE: costantino1611

Torna ai contenuti